SwS GP Sicilia Open Water la V tappa nel Golfo di Cefalù

Dopo la tappa siracusana svoltasi all’Area Marina Protetta del Plemmirio, rieccoci nuovamente a parlare di Grand Prix Sicilia. Il Golfo di Cefalù, in provincia di Palermo, domenica 31 luglio sarà lo scenario di questo nuovo appuntamento.

Per chi non conoscesse ancora la location, si tratta di una cittadina normanna a circa 70 km da Palermo, situata ai piedi di un promontorio roccioso. Fa parte del Parco delle Madonie ed è inclusa nel club de I borghi più belli d’Italia.

L’evento, giunto alla sua III edizione, è organizzato dall’ asd Olympia Palermo, con il supporto logistico della Nuoto Kepha e vedrà lo svolgimento di due gare, la 5 km FIN ed il miglio ASI. Per saperne di più su questa gara, abbiamo fatto qualche domanda ad Andrea Runfola (Olympia Palermo).

Andrea, siamo abituati a vederti in veste di nuotatore, anche piuttosto bravo, diciamo la verità; questa volta ti tocca invece indossare i panni dell’organizzatore. Vuoi parlarci un po’ di questa gara, sia dal punto di vista tecnico, che organizzativo?

Sicuramente preferisco le vesti del nuotatore, molto meno faticose sia dal punto di vista fisico che mentale. Vivendola da atleta la gara dura un’ora scarsa, mentre da organizzatore dura praticamente un mese. A pensarci bene potrei parlare di masochismo: non vedo altri motivi che possano indurre a volere organizzare una gara. In realtà c’è dietro una grande passione: non c’è nulla di retribuito e il nostro impegno è volto a poter far vivere al meglio ad altri la nostra stessa passione.

Dal punto di vista tecnico questa gara è molto particolare dal punto di vista della tipologia di mare. A Cefalù nel 90% dei casi c’è vento di levante, peculiare della zona. Ciò comporta un tipo di onda piccola, con una frequenza molto breve, che va affrontata in un determinato modo, per ottimizzare la nuotata. Nel caso della nostra gara, andando verso Santa Lucia, ci troveremo questa corrente alle spalle, mentre tornando verso il molo ce la troveremo frontale. Per me è il mare più bello in assoluto, perché ti costringe a nuotare in un determinato modo.

Dal punto di vista organizzativo è una grande sfida. Cefalù è una città turistica, che nel periodo estivo richiama una grande quantità di turisti. Ciò comporta maggiore difficoltà nel poter trovare sia le strutture ricettive, che lidi disposti ad ospitare la manifestazione. Sono tuttavia difficoltà che vale la pena di affrontare. Cefalù è un posto meraviglioso e merita di essere vissuto non pensando soltanto alla gara, ma anche godendo di ciò che offre il paesaggio; le occasioni di divertimento pre e post gara non mancano di certo.

Continua a leggere

Foto: Sport Web Sicilia (Cefalù, 2021)

Confronta gli annunci

Confrontare